Torta Diplomatica

Il nome "diplomatica" deriva forse dal fatto che una torta simile fosse stata inviata in dono nel 1454 a Francesco Sforza, duca di Milano, da un diplomatico del Ducato di Parma. Alcuni credono invece sia una torta di origini francesi. Qualcunque sia l'origine, si tratta di un'alternanza di dischi di pasta sfoglia e di pan di spagna, farciti con una crema soffice e spumosa ottenuta dall'unione della crema pasticcera e della crema Chantilly.

Difficoltà: Intermedia

Tempo: 50'

Costo: Basso

- +
REGOLA LE DOSI
Ingredienti per 10 persone

Preparazione

  1. Ricavare dalle sfoglie 2 dischi di circa 26 cm di diametro e sistemarli su 2 placche, mantenendo sotto la loro carta; spolverizzarli di zucchero a velo e bucherellarli con una forchetta. Cuocerli, uno alla volta, in forno già caldo, a 200° per 20-25 minuti.

  2. Per la crema: Raccogliere i tuorli in una ciotola con lo zucchero semolato e lavorarli con una frusta a mano fino a ottenere una crema chiara; incorporare la farina, versare il composto in una casseruola, diluirlo con il latte tiepido e mettere sul fuoco basso. Quando la crema si è addensata, toglierla dal fuoco, versarla in una ciotola e lasciarla raffreddare. Montare la panna ben fredda, poi incorporarla, poco alla volta, alla crema pasticciera, mescolando con una spatola.

  3. Dopo aver pareggiato i bordi dei dischi di sfoglia, sistemarne uno su un tagliere e stendervi un terzo della crema; appoggiarvi il disco di pan di spagna spruzzato con un po’ di liquore e spalmarlo con un altro terzo di crema; terminare con il secondo disco di sfoglia.

  4. Tritare le mandorle al coltello e mescolarvi i biscotti sbriciolati finemente. Dopo aver ricoperto i bordi della torta con la crema rimanente, con la lama del coltello, far aderire il trito di mandorle e biscotti, tutto intorno ai bordi della torta. Spolverizzare la superficie della torta con lo zucchero a velo.